Nuova collaborazione Casa della poesia e il Fatto Quotidiano
04/04/2011

amo-ergo-sum-nikiforos-vrettakos Introduzione

Amo, ergo sum Prima ampia antologia pubblicata in Italia di uno dei maggiori poeti di Grecia del secondo Novecento.
vrettakos-2021-copy
Amo, ergo sum 2021 979–12–80488–03–9 216 Poesia come pane Maria Caracausi e Vincenzo Rotolo Vincenzo Rotolo
15,00 €
Comprami
e Leggimi
«Le cose che hai cantato ti cantano. / Non manchi. […] Sempre presente al tuo posto / nella porta della Grecia / diritto / con la lancia del tuo verso / gentile sentinella piangente / della poesia e della libertà».


- Ghiannis Ritsos
(poesia del 25 giugno 1974 e inviata a Palermo, dove Vrettakos era ricoverato in ospedale).


«Nikiforos Vrettakos ha avuto grande importanza nella mia esistenza, sia come poeta che come uomo […] La poesia di Vrettakos fu quella che rivestì un grande ruolo nella mia vita come pure in quella, credo, di molti
giovani che allora si affacciavano alla poesia. […] Non bisogna dimenticare che quest’uomo così mite, dolce, riservato esercitò una militanza politica che giunse alle estreme conseguenze, e le conseguenze in quel tempo erano il pericolo di morte».


- Titos Patrikios


«Le poesie di Vrettakos hanno radici profonde nella terra greca e prendono colore dalla luce greca, ma i temi sono del tutto universali. I due temi fondamentali della sua poetica sono, com’è noto, il mondo naturale e l’uomo: una partecipazione quasi mistica alla bellezza del Creato, ma anche un profondo dolore per la sorte della creatura più straordinaria: l’uomo. Il ruolo del poeta non è solo quello di osservare e prendere nota. La poesia per Nikiforos è anche una missione sacra […]»


David Connolly