Nuova collaborazione Casa della poesia e il Fatto Quotidiano
04/04/2011

vivere-la-vita-giacomo-scotti Introduzione

Vivere la vita L'autoantologia poetica (2000-2020) del poeta nato a Saviano, vicino Napoli, e vissuto in Istria, vero ponte tra la cultura italiana e quella slava. Un protagonista della letteratura di frontiera, contro ogni frontiera.
vivere-la-vita-scotti-2021
Vivere la vita 2021 979–12–80488–02–2 144 Mediterranea
15,00 €
Comprami
e Leggimi
...I versi raccolti in questa autoantologia sono degli anni dal 2000 al 2020, organizzati in sei sezioni di più o meno brevi frammenti poetici in cui prevalgono endecasillabi e non pochi settenari con frequenti rime. Sono versi importanti in cui Scotti ricongiunge presente e passato, spesso sovrapponendoli, e rimette insieme i poli della sua esistenza: la famiglia in cui è
nato e quella in cui ha scelto di vivere (con la moglie Beba a governarla), le sue due terre e chi non c’è più. Queste assenze sono più e più volte evocate e, infine, combattute da chi si affaccia ora alla vita e gli scrolla di dosso stanchezze e disillusioni. Tra padri antichi e una madre non conosciuta (morta 41enne nel 1931), tra fratelli morti in giovane età e il paese, da un lato; e, dall’altro, il richiamo alla vita squillato da nipoti e pronipoti in alcuni
testi esemplari. Uno, in particolare, ‘I pascoli del cielo’: “…Io non credo ai diavoli / né agli uomini neri (e sono tanti) / ma al fuoco, certo, vivo nella brace / di lunghi giorni e notti accompagnati / dai tamburi degli uomini anneriti / dalla vergogna. / No, non voglio più vivere... // A un tratto, un pronipote mi rimprovera, / e con l’acqua spruzzandomi, scherzando, / mi alimenta di cielo…”


Gianluca Paciucci